Giornata mondiale e campagna

La Giornata Mondiale per la Fine della Pesca (GMFP)

La Giornata Mondiale per la Fine della Pesca si tiene ogni anno il quarto sabato di marzo - 25 marzo di quest'anno. La Giornata Mondiale per la Fine della Pesca interpella la popolazione a proposito di "domanda ittica" : l'esistenza di esseri senzienti di cui non abbiamo coscienza, la loro realtà soggettiva e la violenza che subiscono.

Offre alle persone ed alle associazioni progressiste l'opportunità di intervenire in solidarietà con gli animali acquatici, per denunciare il loro sfruttamento.

La Giornata mondiale si propone di sensibilizzare l'ambiente ecologista da cui spera di ottenere il sostegno: i pesci, i cefalopodi, i crostacei hanno una vita soggettiva degna di essere vissuta; la difesa dei loro interessi propri, in quanto individui, deve essere integrata alle campagne per la difesa degli ambienti acquatici.

La Giornata mondiale è l'opportunità di esigere pubblicamente l'abolizione dello sfruttamento degli animali acquatici, e cioè l'abolizione degli allevamenti ittici e della pesca. Questa abolizione non avverrà dall'oggi al domani: mettendo pubblicamente fin da oggi l'accento su questa rivendicazione, la Giornata Mondiale rompe il silenzio che cinge lo sfruttamento degli individui acquatici, contribuisce a rendere l'abolizione concepibile ed ad affrettarne la realizzazione.

La campagna «Chi sono i pesci?» («Un altro sguardo sui pesci»)

La giornata mondiale fa parte di una campagna di ampio respiro denominata « Chi sono i pesci ? » che vuole attirare l'attenzione sugli animali marini ed a reclamare la fine del loro sfruttamento. Lanciata in Svizzera e Francia nel corso del 2016 acquisisce carattere internazionale nel 2017.

Questa chiede ai cittadini ed alle organizzazioni animaliste, vegetariane ed ecologiste di contribuire al successo dell'evento diffondendo l'informazione ed organizzando degli eventi mediatici coordinati in tutto il mondo (vedere come partecipare) : la campagna si sviluppa su tre tipi d'informazione :

  • Informazione del publico sulla vita soggettiva degli animali marini :  il loro essere senzienti, le loro capacità cognitive, i loro comportamenti individuali e sociali
  • Sensibilizzazione su ciò che comportano pesca ed allevamenti in termini di sofferenza e morti
  • Informazioni sull'etica, lo specismo e l'esigenza di considerare gli interessi fondamentali di altri esseri senzienti. Rivendicazione dell'abolizione del loro sfruttamento a livello sociale.

un altro sguardo sui pesci

La campagna d'informazione si sviluppa in diverse forme tendenti a moltiplicarsi :

   – Realizzazione nel 2018 di un sito web di riferimento (ispirato all'omologo viande.info) ; dedicato specificamente ai pesci, alla pesca ed all'allevamento ittico, tradotto in diverse lingue.
    – Organizzazione di cicli di conferenze sugli animali acquatici, la pesca, etc.
    – Traduzione in più lingue di materiale informativo (volantini, esposizioni, video, banner mirati ai social network) per la diffusione internazionale. I file per la riproduzione di detto materiale saranno disponibili gratuitamente su richiesta di singoli od organizzazioni.
    – Esposizione di 12 pannelli dedicati agli animali acquatici ed al loro sfruttamento. Disponibile in inglese, francese, spagnolo, portoghese, tedesco, italiano, ebraico e presto cinese e giapponese. I files originali saranno a disposizione delle associazioni che ne faranno richiesta e che potranno modificare per adattarli alle loro esigenze. Potranno apporvi i loro loghi. L'esposizione é visibile sulle pagine « I pesci » e « La pesca » del sito.
    – Appello agli artisti per collaborare alla campagna con creazioni di opere sulla « questione ittica ». Le opere saranno pubblicate sul web e sui social network.
    – Azioni giuridiche per attirare l'attenzionesulla sorte degli animali e modificare le leggi ed il diritto.
    – Altre azioni pubbliche : happenings, manifestazioni, interventi nelle scuole, concorsi di disegno, etc.
Per ciascun evento cercheremo di moltiplicare i sodalizi sia con altre associazioni animaliste e vegetariane che con le organizzazioni ecologiste.

Chi organizza la GMFP e la campagna « Chi sono i pesci ? »

La campagna « Chi sono i pesci ?» e la « Giornata Mondiale per la Fine della Pesca » sono un'iniziativa della PEA - Pour l'Egalité Animale.
Questa é la stessa associazione che organizza dal 2015 la Giornata Mondiale per la Fine dello Specismo e che da allora dà luogo a delle azioni in tutto il mondo.
L'associazione vuole così mettere l'accento sulla questione degli animali marini nell'ambito delle azioni che essa intraprende lungo tutto il corso del 2017, in Svizzera romanda, e propone ad altre numerose iniziative militanti di puntare i riflettori sui i pescherecci, veri e propri  mattatoi galleggianti.
La questione su tale argomento é stata sollevata durante la « Giornata mondiale per la fine dello specismo » (il 27 settembre 2016) svoltasi in concomitanza con la marcia di Ginevra. Parimenti è accaduto nel corso del Veggie Pride di Parigi nell'ottobre 2016. La campagna avrà luogo negli anni successivi in numerosi altri paesi e sarà progressivamente gestita da un collettivo di associazioni. Chiunque, individuo o associazione, é invitato/a a partecipare alla « Giornata mondiale per la fine della pesca » ed alla campagna « Chi sono i pesci ?», ed ad organizzare eventi durante l'anno per promuovere la questione ittica. 

Come partecipare